Comunicato stampa – #panpartout

panpartout_logo_vect_curvo+payoff

#panpartout è una nuova modalità di consumo, un nuovo approccio allo street food.

Si tratta di un cestino di pane fresco con tovagliolino forchetta e coltello, la base perfetta per il companatico che preferiamo, 4 fette di pane appena tagliato per gustare le specialità delle botteghe bolognesi.

Matteo Calzolari de Il Forno di Calzolari che si situa al Mercato di Mezzo a Bologna, ideatore di questo nuovo concept spiega che: “l’idea nasce a seguito della nuova apertura del punto vendita in centro città e dal desiderio di mettersi a disposizione delle botteghe storiche bolognesi usando il pane come chiave di accesso ai gustosi prodotti in vendita. Ma non solo, osservando il centro di Bologna all’ora di pranzo vediamo che turisti e persone che lavorano sono spesso alla ricerca di un pranzo veloce ma sfizioso da consumare sul posto o facendo una passeggiata in centro. Le fette di pane che mettiamo nel #panpartout non sono mai le stesse, ogni giorno, a rotazione, si ha la possibilità di assaggiare tipi di pane differenti a partire dal pane bianco biologico o al pane di grano antico macinato a pietra con lievitazione naturale, per passare al pane rustico “innamorato” e così via. L’idea di #panpartout,”- continua Calzolari- “nasce dalla volontà di mettere in rete i negozi del centro di Bologna come quelli presenti al Mercato di Mezzo, consentendo al cliente di scegliere un proprio percorso di degustazione tra le specialità storiche bolognesi, accompagnato dal nostro pane e, perché no, da un buon bicchiere di vino in un’osteria del centro.”.

Una modalità di consumo che affonda nelle radici della storia quando nelle osterie si poteva portare il cibo da fuori. Le osterie hanno una storia antichissima e hanno rappresentato in Italia, e in particolari modo a Bologna fino a metà del ‘900, uno dei luoghi di socializzazione più importanti in cui scambiare idee e opinioni come lo sono da sempre, nei paesi, la piazza e la chiesa.

#panpartout può servire per uno spuntino goloso che si compone a proprio gusto e piacimento e che può essere consumato sul posto e si rivolge a chi vuole sperimentare una pausa pranzo economica ma di qualità.

Un’idea da sostenere anche come nuova formula di promozione turistica dedicata a chi vuole conoscere anche la cultura gastronomica di Bologna assaggiando, come in un grande buffet esteso a tutto il centro, le meraviglie gastronomiche disponibili.

Si parlerà di #panpartout anche sabato prossimo, 14 giugno 2014 all’esterno del Mercato di Mezzo in via Clavature 12, in occasione della presentazione della nuova edizione di Mangirò,  #panpartout infatti sarà il protagonista di una delle tappe gastronomiche di questa passeggiata di dodici chilometri da Monghidoro alla frazione di Ca’ de Marchi in programma la prima domenica di luglio.

per informazioni

http://www.facebook.com/panpartout

Tagged: